Category: Editoriali

L’analisi del voto americano, i sondaggi avevano ragione: più voti a Hillary

Gli americani non hanno scelto Trump. Ma Hillary Clinton è stata comunque sconfitta per una scelta precisa dell’elettorato americano. Per Hillary non deve essere stata facile, ha tenuto duro tutta una vita, accettando ogni cosa per raggiungere il risultato più ambito, essere la persona più potente al mondo. Ma forse sono stati tutti i compromessi necessari alla…

Populism is the new president of the United States

Populism is a democratic phenomenon. Mobilised through available democratic freedoms, it’s a public protest by millions of people (the demos) who feel annoyed, powerless, no longer “held” in the arms of society. That’s the populist moment when humiliated people lash out in support of demagogues promising them dignity. They do so not because they “naturally”…

Guerra Civile in Yemen e la responsabilità italiana

La guerra in Yemen origina da due fazioni che si dichiarano legittimate a governare, gli sciiti Houthi ed i gruppi sunniti salafiti di appoggio ad Hadi.  Il 21 settembre 2014, la fazione islamica sciita Ansarullah, meglio conosciuta come il movimento degli houthi, ha acquisito il controllo della capitale yemenita Sanaa, allontanando il governo di transizione sunnita…

L’attacco a Mosul non risolverà il conflitto mediorentale

L’offensiva contro lo Stato islamico in Iraq è arrivata a 5 chilometri da Mosul, seconda città irachena, due milioni di abitanti. Sono circa 7 mila gli jihadisti nella città assediata da una esercito di 30mila soldati di diverse etnie, religioni e nazionalità. Sono in azione Peshmerga curdi e milizie sciite e sunnite dell’esercito iracheno, reparti scelti statunitensi,…

Un faro contro la violenza

  6.788.000. E’ lo spaventoso numero riportato dall’ISTAT (2015) quale risultato dell’indagine svolta sulla violenza contro le donne. 6.788.000 madri, sorelle, amiche, nonne, zie che hanno subito, nel corso della loro vita, almeno un episodio di violenza. Con questo termine si intende qualsiasi offesa, inclusi violenza domestica, abusi emotivi, psicologici e verbali, prevaricazione economica, stalking,…

Siria, la tregua che non c’è

siria tregua

“Questa tregua è l’ultima possibilità di salvare la Siria”. Era stata l’esclamazione del segretario di Stato John Kerry alla definizione dell’accordo sul cessate il fuoco. Oggi sempre Kerry rincara la dose: “Senza un cessate il fuoco in Siria ci saranno più morti e più sofferenza, su scala ancora più grande. Chi pensa che il conflitto…