Barcellona, come spiegare il terrorismo islamista

 Negli ultimi anni, lo Stato islamico ha rivendicato numerosi attacchi terroristici in Europa. Ha dato indicazioni di usare ogni mezzo, compresi l’uso di automobili o camion per colpire la folla. L’obiettivo era quello di rendere eclatanti azioni che non dovessero avere troppe complicazioni organizzative e rischi di intercettamento da parte degli organi di polizia.
Massimiliano Fanni Canelles on InstagramMassimiliano Fanni Canelles on Twitter
mm

Massimiliano Fanni Canelles Head of CAD Nephrology and Dialysis, Health Department with University of Udine Adj. Professor in Alma Mater University in Bologna of International Cooperation Editor of SocialNews Magazine President of Auxilia Foundation Twitter. @fannicanelles Instagram @fannicanelles


  1 comment for “Barcellona, come spiegare il terrorismo islamista

  1. paolo marcotulli
    19 agosto 2017 at 16:01

    D’accordo con l’articolo.
    Sarebbe il giusto ( tardivo) comportamento dal punto di vista etico.

    Ho il timore , pero’, che abbiamo a che fare , soprattutto ,con un problema di proselitismo , aggravato da odio secolare e persino da rivendicazioni storiche.
    Se l’Islam non abbatte il potere degli Iman e del Corano come noi abbiam fatto col Cristianesimo, non la sfangheremo mai.
    Non si puo’ interagire con chi ha credenze religiose a quei livelli.
    Occorrono menti aperte, di illimitata critica e autocritica, come solo un laico o un ateo hanno.

    Comunque, l’Islam moderato non esiste.
    Come neppure il ” Fascismo moderno ” .

    Il terrorismo non e’ solo quello del sangue ma anche negare diritti, uguaglianza, l’essere omofobi e misogini lo e’ altrettanto.

    Ma, tornando all’argomento, e’ proprio l’ Islam che non va.
    La sua ossessione religiosa e’ l’ostacolo maggiore anche nei supposti moderati.
    Non li fa ragionare.

    L’Islam e’ molto variegato e, come regola generale, si e’ portati a pensare che gli Sciiti ( si intendono questi per moderati) siano meglio dei Sunniti ( questi, invece, i violenti).
    Il guaio,pero’ , e’ che sono comunque tutti Islamici.

    Vero che il Wahabismo e’ il DNA dell’Isis quindi, vi fara’ piacere sapere che in Italia si e’ ben radicato il Qatar ( che vorrebbe investire nelle ricostruzioni post terremoto) .
    Probabilmente, ecco il motivo per cui non abbiamo attentati .
    Speriamo non ne facciano uno fasullo visto che stiamo attirando l’attenzione.

    Auguro all’islam ( Sunnita e Sciita) di fare il nostro stesso percorso e di abbattere il potere temporale delle mosche e di tornare a godersi la vita anziche’ negarsela in nome del nulla.

    Mai fare entrare la religione nella politica.
    Genera solo menti malate.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: