Città assediata

«Ai posti di blocco sorridi. Perché il sorriso è l’inizio della pace», dice Anton, il secondo che incontriamo sulla nostra strada. Ma è difficile credere che possa bastare. A Trincomalee, la città assediata che raggiungiamo dopo aver attraversato una terra di nessuno popolata solo da soldati, formicai e bufali, con posti di blocco e fortini disseminati ovunque, c’è un clima da guerra civile. Nel day after dell’omicidio del leader locale delle Tigri tamil Kaushalyan, freddato assieme ad un ex parlamentare e ad altri 4 uomini a pochi chilometri da Batticaloa, vicino a dove si trova la Croce rossa italiana, esplode quasi una nuova intifada, con la gente che si sdraia per strada per protesta e prende a sassate i soldati (quasi 20mila catapultati a “Trinco” nel giro di poche ore) alla vigilia dello sciopero generale. Con Giorgia Eranio, volontaria genovese del Cesvi a Irrakkandy e con la svizzera Francine, aspettiamo che le acque si calmino, nel cortile del Medway hotel. «Il tuo miglior lasciapassare è la tua faccia bianca», ripete Anton. Ed ha ragione. Perché la sua faccia scura di tamil porta solo miseria e soprusi. La miseria che vediamo nel campo profughi separato solo da una sottile striscia d’acqua dall’albergo della nostra Protezione civile. Niente tende: qui 550 persone dormono sulla sabbia, sotto un telo. E nella tendopoli presidiata dai soldati dell’Ltte, dove vivono 320 famiglie, ci sono bambini di 9 mesi con tumori grandi come il loro braccio e piccoli tamil di 2 anni e mezzo con le pance come otri, invase dal fegato ingrossato. Il refugees camp leader Ahilan chiede cibo e medicine. E Guru Paran, della Tamil rehabilitation organizzation ci mostra le immagini della distruzione, che ha raso al suolo villaggi come Mullaitivu. I tamil stanno ricostruendo una trentina di case, ma solo sulla terra del tempio, perché il governo, dice la guida, non concede altri terreni.

Camilla De Mori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.