Avatar

Mohamed Maalel

Metà pugliese, metà tunisino. Classe 1993, studia Scienze della Comunicazione presso l’Università degli studi di Bari. Blogger, divoratore seriale di libri ha cercato sempre di tenersi le mani ed il cervello occupati diplomandosi in un alberghiero, acquisendo un B2 in inglese presso il Trinity College di Londra nel 2011 e partecipando ad un progetto formativo che l’ha portato due mesi a Dublino, la terra delle grandi opportunità per i piccoli sognatori . Ed è proprio a Dublino che l’amore per la scrittura ed il giornalismo è maturato, grazie alla collaborazione con il giornale italo-irlandese “Italia Stampa”. Dalla madre italiana ha imparato il significato dei sacrifici, dal padre tunisino che la guerra è puro nutrimento spinto da interessi altrui.

“Vuoi sposarti? Abiura e convertiti”

In Italia, l’unione tra persone di fede differente rappresenta un fenomeno sociale sempre più avanzato. Spesso, si cerca un compromesso culturale e religioso che non denigri la fede di uno dei due coniugi. Si parla, in un certo senso, di libertà di fede. Tuttavia, questo fenomeno porta con sé, a volte come uno stigma, una…

Libertà sessuale in Tunisia: intervista a Giada Frana, blogger di “Un’italiana a Tunisi”

In Tunisia il tema della libertà sessuale è intriso di tabù e restrizioni che lo rendono argomento proibito. Questo perché in Tunisia la democrazia degli ultimi anni ha reso la libertà sessuale un tema da approfondire, nei limiti della religiosità, o di un certo senso del pudore. Se negli ultimi mesi abbiamo assistito a maggiori…

Rapine ed emoji: cosa cercano i giovani?

La micro criminalità, in Puglia, corre su whatsapp. Questo è quanto emerge da una recente indagine che mette in luce le nuove frontiere del fenomeno in Italia. Mohamed Maalel Quando si parla di criminalità, l’errore più comune è riferire questo termine ad un fenomeno sociale che riguarda i soli adulti. Nel corso degli ultimi anni,…

Rapine ed emoji: cosa cercano i giovani?

La micro criminalità, in Puglia, corre su WhatsApp. Questo è quanto emerge da una recente indagine che mette in luce le nuove frontiere del fenomeno in Italia. Mohamed Maalel Quando si parla di criminalità, l’errore più comune è riferire questo termine ad un fenomeno sociale che riguarda i soli adulti. Nel corso degli ultimi anni,…

Eroi: la storia di Bebe Vio

Bebe Vio racconta la sua storia: “Ho sempre saputo che avrei potuto ricominciare a fare scherma. Quando l’ho chiesto ai medici, mi hanno, diciamo, sputato in un occhio. Quando l’ho chiesto a quelli delle protesi, si sono messi a ridere. Io, però, ho capito fin da subito che sarei riuscita a rientrare” Mohamed Maalel Disabilità…

Eroi: la storia di Bebe Vio

Ho sempre saputo che avrei potuto ricominciare a fare scherma. Quando l’ho chiesto ai medici, mi hanno, diciamo, sputato in un occhio. Quando l’ho chiesto a quelli delle protesi, si sono messi a ridere. Io, però, ho capito fin da subito che sarei riuscita a rientrare Mohamed Maalel Disabilità non significa vivere come un diverso,…

La donna islamica nello sport: protagonista di una nuova rivoluzione?

Non esiste un’interpretazione univoca del corano, ma praticare una attività agonistica è consentito psrché all’interno di alcuni precetti religiosi Mohamed Maalel Il concetto di corpo femminile è entrato tra i precetti di una società sempre più allarmata dalla posizione del femminile nella nostra cultura. È usuale infatti pensare al corpo femminile come un prodotto simbolico…

La donna islamica nello sport: protagonista di una nuova rivoluzione?

donne islam sport olimpiadi

Non esiste un’interpretazione univoca del corano, ma praticare una attività agonistica è consentito psrché all’interno di alcuni precetti religiosi Mohamed Maalel Il concetto di corpo femminile è entrato tra i precetti di una società sempre più allarmata dalla posizione del femminile nella nostra cultura. È usuale infatti pensare al corpo femminile come un prodotto simbolico…

Di genere si muore: analisi dei dati sul fenomeno del femminicidio in Italia

    Dall’inizio dell’anno, in Italia, sono stati registrati oltre 30 femminicidi. Nella maggioranza dei casi, gli esecutori erano familiari o persone con le quali la vittima aveva avuto una relazione affettiva. Possiamo affermare di trovarci di fronte ad un aggressore incline alla violenza: un marito che ha vessato la moglie per anni o un…