UNA “PIATTAFORMA” ELETTRONICA PER LA NUOVA EDUCAZIONE AVANZATA

LA “ELECTRONIC PLATFORM FOR ADULT LEARNING IN EUROPE" È UNO STRUMENTO MULTILINGUE CHE ACCOGLIE CHIUNQUE SIA INTERESSATO A COMPRENDERE E APPRENDERE PRASSI EDUCATIVE SULLE NUOVE TECNICHE EDUCAZIONALI PER GLI ADULTI

Dal 2014 è attiva la piattaforma Epale (Electronic Platform for Adult Learning in Europe), uno strumento indispensabile per chi si occupa di apprendimento degli adulti non solo in Italia, ma anche in Europa. Epale è, infatti, un’iniziativa promossa dalla DG dell’Istruzione e della Cultura (DG EAC) ed è finanziata nell’ambito del Programma Erasmus+.

Descrivere EPALE in poche righe non è un compito facile. La piattaforma è molto versatile e offre svariate possibilità di utilizzo declinabili secondo le proprie necessità ed i propri interessi. Vediamo insieme alcune sue caratteristiche.

Epale è una community aperta a chiunque abbia un ruolo professionale nel settore dell’apprendimento degli adulti, tuttavia, essendo ad accesso libero (diversamente da altre piattaforme che richiedono necessariamente l’appartenenza a determinate categorie professionali), accoglie chiunque sia interessato a conoscere politiche, esperienze, iniziative, prassi educative e riflessioni attuali su educazione e istruzione degli adulti, lifelong e lifewide learning. È uno strumento multilingue: significa che ogni contenuto può essere fruito da tutti nella propria lingua attraverso un sistema di traduzione che annulla la barriera linguistica. Ha, inoltre, il merito di unire due ambiti tradizionalmente separati e non comunicanti: il settore della formazione professionale e quello dell’educazione degli adulti, in ambito formale, non formale e informale.

La piattaforma è creata attorno alla condivisione di contenuti, tra i quali notizie, blog, risorse, eventi. I membri possono interagire con i colleghi di tutta Europa, proporre argomenti di discussione, commentare ogni risorsa e, quindi, alimentare con esperienze e punti di vista personali il dibattito e la discussione attorno ai temi caldi e complessi che caratterizzano il variegato mondo dell’apprendimento degli adulti.

Altri strumenti di grande utilità sono rappresentati dal glossario dei termini, dalle relazioni specifiche per Paese e da una libreria di risorse sull’apprendimento degli adulti in Europa.

In Italia abbiamo bisogno di Epale?
Moltissimo. Da noi infatti, più che altrove, l’educazione degli adulti è il settore meno regolamentato, meno riconosciuto e meno riconoscibile dell’intero sistema educativo. Il concetto stesso di apprendimento lungo tutto l’arco della vita è sovente dichiarato, ma non praticato, oppure declinato in infinite iniziative le quali, però, non trovano un raccordo, un punto di incontro. Questo si dimostra particolarmente vero per il settore non formale, che passa frequentemente per interventi settoriali senza essere parte di un progetto organico e completo.

La piattaforma Epale si pone l’obiettivo di rappresentare il punto di raccordo di tutte le iniziative in essere, l’anello mancante del dialogo e della cooperazione, il luogo di incontro d’elezione per l’apprendimento tra pari e per la costruzione di sinergie intersettoriali. Attraverso la messa in comune e la valorizzazione delle esperienze, Epale contribuisce alla realizzazione di un apprendimento degli adulti di qualità, capace di aiutare l’Europa a superare i postumi della devastante crisi economica, rispondere al costante fabbisogno di nuove qualifiche, mantenere produttiva una manodopera sempre meno giovane e facilitare l’integrazione sociale e la cittadinanza attiva, lo sviluppo e la realizzazione personali. Obiettivi ambiziosi, certo, ma realizzabili grazie al costante lavoro dei suoi 40.000 iscritti.

Che cosa offre Epale Italia?
Epale è presente in 24 Paesi europei. L’Unità italiana è gestita da Indire Agenzia Erasmus+ nella sede di Firenze. Il team Epale Italia opera secondo un piano di lavoro biennale incentrato su attività laboratoriali e seminariali organizzate su tutto il territorio nazionale, oltre a numerose altre attività di promozione e occasioni di confronto e dibattito. In particolare, i seminari nazionali tematici Epale, inaugurati nel 2015 proprio a Udine, hanno l’obiettivo di far dialogare rappresentanti di realtà diverse sul tema prescelto proprio nell’ottica della trasversalità delle competenze e degli approcci educativi. Le restituzioni degli incontri confluiscono in Epale e si aprono al confronto nazionale ed europeo.

L’Unità si avvale, inoltre, del supporto di 51 Ambasciatori Epale, esperti regionali in ambito di educazione degli adulti che svolgono un importante ruolo di raccordo sul territorio. E’ Ambasciatrice del Friuli Venezia Giulia la Dottoressa Pina Raso, presidente dell’Università delle Liberetà del FVG.

Per rimanere informati sulle attività di Epale Italia, oltre ad iscriversi alla piattaforma Epale, consigliamo di seguirne i canali social: la pagina Facebook EpaleItalia e Twitter @epale_it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *