Donne kurde e rivoluzione:oltre l’autodifesa

L’emozione di uno spettacolo all’interno delle mura carcerarie: da paura e diffidenza ad entusiasmo e coinvolgimento

Suveyda Mahmud

ImmagineTanto si è detto e scritto in questi ultimi quattro mesi sulle donne curde, in virtù di quanto accadeva a Kobane, Rojava (Kurdistan siriano). Si è dato spazio soprattutto alle immagini delle donne curde, che solo in pochi conoscevano, per evidenziare la loro giovane età, la loro bellezza e il fatto che avessero imbracciato un’arma. Ma questo non è che l’aspetto più superficiale di quanto sta accadendo in quella parte di Medio Oriente. Sì, le donne curde stanno facendo una rivoluzione, in tutti gli ambiti della società. E l’aspetto militare non è che uno i questi. Non sarebbe nemmeno il più importante, se non fosse per il particolare momento, che vede la necessità dell’autodifesa dagli attacchi che il popolo curdo subisce con rinnovato vigore dall’ISIS come prima da altri gruppi, per esempio Al Nusra, affiliato ad Al Qaeda, ma anche da parte del regime di Assad.
Dietro i volti delle nostre donne, dunque, c’è di più. Il loro coraggio e la loro determinazione hanno aperto un varco che deve lasciare spazio ad un’analisi più profonda del processo cominciato diversi anni fa con la formazione di un partito delle donne e delle unità femminili di difesa del popolo in seno al movimento curdo, soprattutto in Nord Kurdistan (Turchia).
Il Partito dei lavoratori del Kurdistan e il suo leader, Abdullah Öcalan, da 16 anni in prigione sull’isola di Imrali, hanno cominciato questo processo, con un paziente e sotterraneo lavoro tra le famiglie, le studentesse, le lavoratrici, per riflettere sul ruolo delle donne e sulla loro oppressione nella società tradizionale curda. Abbiamo studiato e analizzato la posizione della donna nelle diverse epoche storiche e nei diversi luoghi per scoprire come la donna curda subisse una doppia oppressione, come popolo e di genere. Questo lavoro ha portato ad una presa di coscienza delle donne, sempre più impegnate in tutti i settori della società, fino ad acquisire coraggio e fiducia in se stesse e ad assumere un ruolo attivo.
Il punto di partenza delle donne, addirittura, ha dimostrato di essere privilegiato rispetto a quello degli uomini: a causa dell’oppressione di genere, l’assimilazione è stata meno invasiva. Quando, per diversi motivi, le donne non hanno studiato, non hanno imparato il Turco o l’Arabo. Significa che non si sono assimilate al sistema e che gestiscono dal basso la propria famiglia e il proprio villaggio autonomamente.
Questo è il principio dell’autonomia democratica, un pensiero molto femminile, dunque, contro l’ideologia dall’alto verso il basso dello Stato-Nazione.
Lentamente, le donne sono arrivate a contare di più, in famiglia, in politica, in economia, nella società in generale. Si sono formate associazioni, cooperative, perfino agenzie di stampa di donne per rispondere con azioni concrete a questa oppressione.
Le donne si sono prese il loro posto anche nel sistema rappresentativo: il modello dell’autonomia democratica, quello che oggi i Curdi stanno cercando di realizzare in Turchia ed in Siria, non prevede la riproposizione di un nuovo Stato-Nazione, con il suo portato di schiavitù e oppressione, bensì la realizzazione di ciascuno con le sue peculiarità insieme agli altri, siano essi gruppi etnico-linguistici, religiosi, politici e di genere. Da qui il meccanismo della co-presidenza di genere: non un presidente e un vice, ma due presidenti, di cui uno uomo e uno donna.
In tutti gli organismi rappresentativi funziona così, non solo per il genere, ma anche per le diverse componenti della società: Musulmani, Zoroastriani, Cristiani, Ezidi, Arabi, Turcomanni.
Contro questo sistema si è scagliato l’IS, lo Stato Islamico. Non tollera la diversità e vede la donna come una minaccia da rinchiudere, salvo averne paura sul campo di battaglia: qualche religioso avrebbe interpretato che l’essere uccisi da una donna non permette di entrare in paradiso dopo la morte. Anche il partito AKP di Erdoğan è partecipe di questa ideologia: ha un’idea completamente subalterna della posizione delle donne nella società. Non a caso, tre donne curde sono cadute vittima di un brutale assassinio due anni fa a Parigi. Con l’attiva parte dei servizi segreti turchi, sono state prese di mira in quanto donne, simbolo della rivoluzione interpretata dall’autonomia democratica. A livello pratico, nell’attività politica rivoluzionaria all’interno del movimento curdo, le donne hanno trovato uno spazio di libertà che ha permesso loro di conquistare rispetto e dignità e di affrancarsi dai ruoli subordinati tradizionali. Hanno saputo dimostrare di valere quanto e anche più dei loro compagni maschi. C’è ancora molto da fare, ovviamente, perché la mentalità feudale saldata alla modernità capitalistica è molto pervasiva. Nessuno ne è totalmente immune, neanche le stesse donne.
Questo processo è ormai innescato e sarà molto difficile tornare indietro. Ma il modello che propongono, e per il quale queste donne hanno lottato e continueranno a lottare, rappresenta la potenziale soluzione ai problemi dei popoli in Medio Oriente e, forse, anche altrove. Auto-organizzazione, partecipazione, autodifesa, Democrazia, ecologia: molte di queste donne, una volta che – si spera presto – sarà finita la guerra, non intenderanno tornare a vivere in un mondo che le discrimina e le esclude, ma vorranno continuare su questa strada.
E questa è già una rivoluzione.

di Suveyda Mahmud,

giornalista curdo in collaborazione con UIKI onlus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *