Arriva in Sicilia il “Circo de Los Horrores”

di Michela Arnò @MhlArno

Arriva in Sicilia, a Catania e Palermo, lo spettacolo del Circo de Los Horrores tra brividi e cabaret.

Presentazione Circo de Los HorroresDiretto dallo spagnolo Suso Silva, dopo il successo mondiale, il “Circo del Los Horrores” è pronto ad aprire il tendone anche a Catania (dal 4 al 21 settembre in Corso Martiri della Libertà) e a Palermo (dal 26 settembre alla Fiera del Mediterraneo). Uno show che unisce in, un prodigioso connubio, diverse forme d’arte: teatro, circo, cabaret, coinvolgendo e sorprendendo lo spettatore. Lo spettacolo racconta, in chiave teatrale, la storia di un passeggero che in una notte di tempesta scende da un treno ma si ritrova davanti all’entrata d’un antico cimitero. Tra vampiri, zombie e altre creature mostruose, ha inizio la sua fuga senza fine, attorniata da performance e personaggi da incubo. La storia viene, quindi, sviluppata in chiave circense, tra acrobazie e pantomima, tra contorsionisti, giocolieri, acrobati, clown e note sensuali di cabaret, forte è anche l’interazione con il pubblico.

L’ispirazione dei personaggi di questa favola noir, arriva da film che hanno fatto la storia del cinema di paura, accompagnati dalle colonne sonore horror più famose : protagonista è il vampiro Nosfertu (dall’omonimo film muto degli anni ’20), appariranno personaggi come le bambine possedute, abili contorsioniste ispirate all’Esorcista, l’attraente vampira Devora lanciatrice di coltelli, la spaventosa Mummia, Grima il pagliaccio assassino, un folle assassino con una sega meccanica, la suora macellaia, il demonio Belzebù, il guardiano del cimitero degli orrori, e tanti altri ancora in una divertente e, allo stesso tempo, spaventosa escalation; mentre gli spettatori, parte integrante dello show, si ritroveranno minacciati da una ghigliottina,  bersagliati da coltelli, rinchiusi in gabbia o imprigionati da camicie di forza.

“In questo spettacolo – racconta Suso Silva – il pubblico partecipa ad una grande terapia di gruppo, in cui diventano reali le fantasie e le paure più terribili. Gli spettatori non trovano soluzioni, anzi, tornano a casa con un problema più importante di quello con il quale erano arrivati. Nello spettacolo non è infatti molto chiaro chi siano i veri pazzi, se gli spettatori o gli artisti dello show”.

I biglietti sono disponibili su Ticketone. Lo spettacolo è sconsigliato ai minori di 12 anni.

il vampiro Nosferatu come “accogliente” padrone di casa. Ragnatele, ombre tenebrose, lapidi di un antico cimitero: il castello nero del Circo de Los Horrores è arrivato in città e il tendone di piazzale Ankara, accanto allo Stadio Flaminio, è pronto per il debutto di domani sera in prima nazionale, dove lo spettacolo verrà replicato fino al 6 aprile.

Il circo spagnolo, fondato nel 2007 da Suso Silva, unisce teatro, arti circensi e cabaret, tutte mischiate in un’atmosfera che si ispira al cinema in bianco e nero e ai capolavori del genere horror. Il personaggio di Nosferatu ispira la storia narrata nel corso dello spettacolo: la favola noir ha inizio in un cimitero, dove si ferma un treno misterioso; da uno dei vagoni, scende un singolare passeggero che si trasformerà, dopo essere stato baciato sul collo da un avvenente vampira, proprio in Nosferatu, il principe dei vampiri.

Maschere, trucchi fantasmagorici, contorsionisti, giocolieri, acrobati e spaventosi pagliacci: lo spettacolo è ricco di emozioni, tanto che alcuni personaggi, seduti tra gli spettatori, vengono catapultati in scena e si ritrovano minacciati da una ghigliottina, bersagliati da coltelli, rinchiusi in gabbia o imprigionati da camicie di forza. “In questo spettacolo  racconta Suso Silva  il pubblico partecipa ad una grande terapia di gruppo, in cui diventano reali le fantasie e le paure più terribili. Gli spettatori non trovano soluzioni, anzi, tornano a casa con un problema più importante di quello con il quale erano arrivati. Nello spettacolo non è infatti molto chiaro chi siano i veri pazzi, se gli spettatori o gli artisti dello show”.

Con la musica della colonna sonora di famosi film horror, come le accattivanti melodie di Damian o le sonorità di Mike Oldfield ne “Le bambine dell’esorcista”, appariranno personaggi come le Anime perdute, favolose creature degli inferi che danzando catturano gli uomini, Grima il pagliaccio assassino, Devora la vampira, un folle assassino con una sega meccanica, la suora macellaia, Belzebù il demonio, il guardiano del cimitero degli orrori, e tanti altri ancora in una divertente e, allo stesso tempo, spaventosa escalation.

© Riproduzione riservata

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *