23 Aprile, Giornata Internazionale del Libro

di Ornella Esposito

giornata mndiale libroIn un momento storico in cui l’editoria sta subendo cambiamenti epocali, e la crisi ostacola l’accesso alla lettura, la “Giornata Mondiale del Libro e dei Diritti d’Autore” che ricorrerà il prossimo 23 Aprile appare essere ancora più importante.

 L’idea di questa celebrazione è nata in Catalogna, dove il 23 aprile, giorno di San Giorgio, una rosa viene donata per ogni libro venduto.

Inizialmente istituita il 7 ottobre del 1926 per commemorare la nascita di Miguel de Cervantes, la Giornata Mondiale del Libro fu ideata da Vicent Clavel Andrés, scrittore ed editore di Valencia.

Nel 1930 si decise di cambiare la data al 23 aprile, giorno della morte di Cervantes, oltre che di William Shakespeare e Inca Garcilaso de la Vega.

Nel 1995 l’UNESCO istituì ufficialmente la Giornata, e ogni anno a partire dal 2001 l’Organizzazione Internazionale assegna il titolo di Capitale mondiale del libro a una città in riconoscimento della qualità dei programmi attuati per promuovere la diffusione del libro e incoraggiare la lettura.

La prima fu Madrid; per il 2014 il titolo va a Port Harcourt, città posizionata nella zona del Delta del Nigeria.

Dal 2001, grazie alla massiva diffusione del web, l’editoria è notevolmente cambiata spostandosi sul digitale.

Secondo una recente ricerca (fonte: pianetaebook.com) il Nord America si conferma il continente più fertile per il settore dell’editoria digitale: 1 lettore su 4 è passato all’eBook, contro il 3,6% dell’Europa e il quasi 4% dell’Asia.

A trainare la crescita dei 2 continenti inseguitori, Giappone e Cina , e Regno Unito: 2 lettori digitali su 3, nel vecchio continente, sono britannici. Il Sud America, eccezion fatta per il Brasile, langue.

Nello Stivale la lettura attraverso il web è poco diffusa: solo il 5,2% possiede un ebook e il 2,7% un e-reader. Ma anche il cartaceo non va meglio: tra i lettori il 46% ha letto al massimo tre libri in 12 mesi.

Ecco che le iniziative sparse in tutto il Paese per omaggiare la Giornata Internazionale del Libro sono di fondamentale importanza.

Tra queste si segnala quella promossa dall’l’Istituto Cervantes di Roma di piazza Navona. Il 23 Aprile dalle 18 alle 21, infatti, si terrà un reading dedicato agli autori spagnoli e latino-americani il cui centenario dalla nascita si celebra quest’anno.

Gli argentini Julio Cortázar e Adolfo Bioy Casares , il messicano Octavio Paz, il cileno Nicanor Parra e lo spagnolo Joan Vinyoli.

L’incontro, rivolto a studenti, cittadini, turisti e curiosi,  vedrà tra i lettori anche diplomatici di ambasciate dei paesi dell’America Latina, docenti universitari, intellettuali e chiunque voglia portare un libro e scambiarlo con un altro.

A tutti i partecipanti sarà donata, come da tradizione, una rosa.

 Autore: Ornella Esposito

 Per saperne di più sulla giornata mondiale: www.unesco.it, www.roma,.cervantes.es

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *