Gli scrittori diventano lettori volontari

di Tiziana Mazzaglia  @TMazzaglia

Ritorna “Parole di cuore Satisfiction” II edizione, un evento organizzato da Gian Paolo Serino che permette agli scrittori di diventare lettori volontari a lavoro per i bambini dell’Istituto dei Tumori di via Venezian 1, Milano. Gli incontri sono programmati per ogni giovedì mattina da Aprile a Novembre 2014.

Locandina.

Locandina.

L’evento “Parole di cuore Satisfiction” rivive la sua seconda edizione e sarà presentato martedì 8 Aprile p.v., presso la libreria Feltrinelli di Piazza Duomo a Milano. Frutto dell’idea di Gian Paolo Serino, critico e direttore di Satisfiction, in collaborazione con Zero Confini Onlus e con Scuola in ospedale dell’Istituto dei tumori di via Venezian 1, Milano e con il contributo della Dott.ssa Lorenza Gandola, responsabile-Radioterapia Pediatrica. Si tratta di incontri, in cui scrittori e giornalisti leggeranno le loro opere ai bambini, ma non solo lettura, ci sarà anche l’occasione di creare nuove storie. Giornate vissute all’insegna del volontariato, della cultura e della creatività, suddivise in un ciclo di dieci incontri, da Aprile a Novembre 2014. La finalità è rivolta alla diffusione del progetto e Gian Paolo Serino dice: “La nostra speranza è che anche in altre città gli scrittori e i giornalisti si mobilitino in iniziative analoghe. I bimbi malati ricevono molto spesso le visite di personaggi del mondo dello sport, dello spettacolo e della musica, ma invogliare alla lettura è un dovere per chiunque si occupi di Cultura”. Un connubio tra letteratura ed attività ludica che genera un tempo di distrazione, sollievo e divertimento, per quei bambini le cui ore del giorno sono investite dalla routine ospedaliera. Perché leggere un libro? Si tratta di passione, di obbligo o curiosità. Spesso affascina talmente tanto da diventare una dipendenza. Leggere un libro può servire ad acquisire informazioni in un determinato campo, a sentire raccontare qualcosa che ci affascina, che suscita in noi emozioni e commozioni. Spesso, troviamo situazioni analoghe alla nostra vita, oppure vite che possiamo soltanto sognare, se non vite che neanche pensiamo esistano, in culture completamente diverse dalle nostre. Leggere un libro può essere un buon metodo per evadere, per rilassarsi dalla quotidianità o addirittura, per vivere stori d’amore immedesimandosi nei personaggi o addirittura innamorandosi di qualche protagonista. Un libro ha il privilegio di essere accessibile a tutti e di essere facilmente portato con sé in ogni momento della giornata. Può placare la monotonia, colmare la solitudine, riempire spazi di tempo. Mino Milani scrive in: “Riflessioni di un vecchio amico di Ivanhoe”: «(…) puoi partire per i più grandi viaggi immaginabili, per il paese, il tempo e l’avventura che vuoi. Con il treno, la nave, l’aereo e la valigia avrai un bel girare il mondo: non troverai mai luoghi e personaggi come quelli incontrati nei libri. Mai fanciulle più affascinanti, o donne più sagge o più perfide; mai uomini più intrepidi o più vili, o più buoni, o cattivi, o simpatici o detestabili, mai più disposti a far del bene o a far del male. Gira pure il mondo come vuoi, non troverai mai tanti modelli da immaginare quanti te ne offrono i libri. Per te, di pagina in pagina, in beata solitudine, paure, gioie, problemi: tu, unico giudice, in beata solitudine soffri, ti spaventi, piangi, gioisci, dai sentenze: di qualche personaggio, se credi, puoi fare il tuo modello, o il tuo anti-modello, o il tuo compagno di strada per un anno, per dieci, o per tutta la vita 

 

Per approfondimenti sull’importanza della lettura:

Tiziana Mazzaglia, La letteratura è cultura e, quindi, crescita umana e civile, invito alla lettura. L’importanza della lettura e i suoi pregi, in «L’informatore delle autonomie locali», 11/04/2013, tot. pg.3 http://www.linformatore.info/?p=464

Tiziana Mazzaglia, Una vita colma di libri. Intervista a Gian Paolo Serino, in «SocialNews», 20/11/2013 tot. pg. 2  http://www.socialnews.it/cultura/9737

 

Il calendario degli incontri:

Giovedì 10 Aprile, con la partecipazione di ANTONIO STEFFENONI

Giovedì 17 Aprile, con la partecipazione di MARIA GIOVANNA LUINI

Giovedì 8 Maggio, con la partecipazione di GIOVANNI COCCO

Giovedì 15 Maggio, con la partecipazione di STEFANIA NASCIMBENI

Giovedì 22 Maggio, con la partecipazione di GIOVANNI GASTEL

Giovedì 29 Maggio, con la partecipazione di STEFANIA REGOLI

Giovedì 5 Giugno, con la partecipazione di  DAVIDE STECCANELLA

Giovedì 12 Giugno, con la partecipazione di MARCO DRAGO

Giovedì 19 Giugno, con la partecipazione di EGLE SANTOLINI

Giovedì 11 Settembre, con la partecipazione di ALESSANDRA APPIANO

Giovedì 18 Settembre, con la partecipazione di PIERSANDRO PALLAVICINI

Giovedì 25 Settembre, con la partecipazione di ALBERTO RIVA

Giovedì 9 Ottobre, con la partecipazione di ROBERTO COLAOA

Giovedì 16 Ottobre, con la partecipazione di DANIELE BRESCIANI

Giovedì 6 Novembre, con la partecipazione di MASSIMO CASSANI

Giovedì 13 Novembre, con la partecipazione di DANIELA ROSSI

Giovedì 20 Novembre, con la partecipazione di RAUL MONTANARI

Giovedì 27 Novembre, con la partecipazione di  MARCO MUSSO

Socialnews

  1 comment for “Gli scrittori diventano lettori volontari

  1. ALFIO
    25 Marzo 2014 at 13:13

    Ottimo 🙂 🙂 🙂

Rispondi