Un mondo senza povertà

Muhammad Yunus

I Paesi più ricchi hanno potuto trarre enormi benefici dall’energia creativa, dall’efficieza e dal dinamismo generati dal libero mercato. Io ho speso tutta la mia vita nel cercare di garantire quegli stessi benefici anche agli esseri dimenticati dal mondo, a quegli strati estremamente poveri dei quali gli uomini d’affari e gli economisti non tengono mai conto quando parlano di mercati.

Subito dopo il collasso dell’Unione Sovietica nel 1991, il libero mercato è andato alla conquista del mondo. L’economia liberista è riuscita a mettere radici in Cina, in Asia sudorientale, in gran parte dell’America del Sud, nell’Europa dell’Est e nella stessa ex Unione Sovietica. C’è un mucchio di cose che l’economia di mercato riesce a fare straordinariamente bene. Se guardiamo i paesi di lunga tradizione capitalistica, sia europei sia americani, siamo subito colpiti dalla loro grande ricchezza. Poi dalla grande capacità di innovazione tecnologica, dalle scoperte scientifiche e dalla generale crescita dell’istruzione e dal progresso sociale. La nascita del capitalismo moderno, tre secoli fa, ha indubbiamente reso possibile una crescita materiale senza precedenti nella storia. Ma oggi, a quasi una generazione dal collasso dell’Unione Sovietica, vediamo diffondersi ovunque un senso di delusione.
Certo, il capitalismo continua a prosperare, gli affari crescono, c’è un vero boom del commercio globale, la corsa dello sviluppo tecnologico non accenna a rallentare e le grandi multinazionali sono penetrate nei mercati dei paesi in via di sviluppo e in quelli dell’ex blocco sovietico. Ma i benefici di questo sviluppo non sono per tutti. Basta guardare alla distribuzione globale del reddito: il 94 per cento del reddito globale va al 40 per cento della popolazione mondiale, mentre il restante 60 per cento ne riceve solo il 6 per cento. Metà del mondo deve vivere con due dollari al giorno e quasi un miliardo di persone addirittura con meno di un dollaro. La povertà non è distribuita in modo uniforme, ma si concentra in alcune regioni del Sud come l’Africa subsahariana, l’Asia meridionale e l’America latina, dove milioni di poveri sono costretti a lottare per la mera sopravvivenza. Periodicamente si scatenano calamità naturali (come lo tsunami che nel 2004 ha devastato la regione dell’Oceano Indiano) che uccidono centinaia di migliaia di persone povere e vulnerabili. Il divario fra il Nord e il Sud globali, fra la parte più ricca e il resto del mondo non ha fatto che ampliarsi.

Alcuni dei paesi che nell’ultimo trentennio sono riusciti a sfondare sul piano economico hanno comunque dovuto pagare un prezzo molto pesante. Da quando, alla fine degli anni settanta, sono state introdotte le riforme economiche, la Cina ha avuto una crescita economica estremamente rapida e, stando ai dati della Banca mondiale, più di quattrocento milioni di cinesi sono usciti dalla fascia della povertà. Ora è l’India ad avere il maggior numero di poveri al mondo, nonostante venga dopo la Cina quanto a popolazione complessiva. Ma questo notevole progresso ha anche aggravato le tensioni sociali. Nel perseguire una crescita economica impetuosa, le autorità cinesi hanno chiuso tutti e due gli occhi sull’inquinamento di aria e acqua prodotto dall’industria e, nonostante il miglioramento delle condizioni di tanti poveri, il divario fra chi ha e chi non ha niente è aumentato costantemente. Se misurata con un indicatore economico specifico come l’indice di Gini, la disuguaglianza nel reddito è oggi maggiore in Cina che in India.
Anche negli Stati Uniti, che pure sono classificati come la nazione più ricca della Terra, il progresso economico ha dato risultati deludenti. Dopo due decenni di lenta crescita economica, negli ultimi anni il numero dei poveri ha ripreso ad aumentare. Quasi un sesto della popolazione americana, qualcosa come quarantasei milioni di persone, è privo di assicurazione sanitaria e ha difficoltà anche ad accedere all’assistenza medica di base. Con la fine della Guerra fredda, molti speravano nell’opportunità di godere di una specie di “dividendo di pace”: le spese militari ora potevano essere ridotte a favore dei programmi sociali di istruzione e assistenza sanitaria. Invece, soprattutto dopo l’11 settembre 2001, il governo degli Stati Uniti ha posto di nuovo al centro della propria strategia i temi delle azioni belliche e delle misure di sicurezza, e il problema della povertà è stato ignorato.

La sfida globale che la povertà rappresenta, tuttavia, è sotto gli occhi di tutti, e all’inizio del nuovo millennio tutte le nazioni hanno cercato di affrontarla. Nel 2000 i governanti di tutto il mondo si sono riuniti all’Onu per impegnarsi, tra l’altro, a ridurre della metà il numero dei poveri entro il 2015. Ma sono passati già sette anni e i risultati sono deludenti, al punto che quasi tutti gli osservatori concordano nel ritenere che gli “Obiettivi di sviluppo del millennio” non saranno raggiunti. Mi fa piacere sottolineare che in questo panorama, il mio paese, il Bangladesh, rappresenta una felice eccezione: sta operando con continuità nella direzione stabilita e si sta dimostrando in grado di dimezzare il numero di poveri entro il 2015.
Cos’è che non va? Come mai in un mondo in cui l’ideologia liberista non incontra più nessuna reale opposizione non basta il libero mercato a far uscire dalla povertà una parte così grande della popolazione mondiale? E se tante nazioni proseguono senza scosse nel loro cammino verso la prosperità, perché altrettante restano invece sempre più indietro?
La spiegazione è molto semplice. Il libero mercato, senza vincoli di sorta, così come è oggi concepito, non è pensato per affrontare i problemi sociali, anzi, può portare ad aggravare povertà, inquinamento e disuguaglianze e a diffondere malattie, corruzione e criminalità.
Sono un sostenitore convinto della globalizzazione, perché promuove l’espansione del libero mercato, supera le barriere nazionali con lo sviluppo del commercio internazionale e della libera circolazione dei capitali, e stimola i governi ad attirare nel proprio paese le multinazionali offrendo loro infrastrutture per lo sviluppo delle imprese, incentivi all’attività e vantaggi fiscali e normativi. Come impostazione economica generale, la globalizzazione è in grado, sulla carta, di garantire ai poveri una quantità di benefici superiore a qualsiasi altra strategia. Però, abbandonata a se stessa, in assenza di principi guida e di controlli, può anche essere devastante.
Mi piace paragonare il commercio mondiale a un’autostrada con cento corsie che solca la superficie del globo. Ma se questa autostrada rimane senza pedaggio, senza semafori, limiti di velocità, limiti di ingombro e perfino senza le linee di separazione fra le corsie, essa verrà rapidamente occupata dai tir provenienti dai paesi con le economie più potenti. I veicoli più piccoli, come i camioncini dei contadini o i carretti a buoi e i risciò a piedi del Bangladesh saranno inesorabilmente espulsi. Perché tutti possano trarre vantaggio dalla globalizzazione è necessario un buon “codice della strada”, servono segnali e semafori e ci vuole una politica del traffico ben definita. La regola “il più forte piglia tutto” va sostituita da altri assunti capaci di garantire anche ai più poveri un posto sull’autostrada, altrimenti a controllare il commercio mondiale sarà l’imperialismo finanziario.

Anche a livello regionale, nazionale e locale i mercati hanno bisogno, in modo del tutto analogo, di regole e controlli che salvaguardino gli interessi dei più deboli, altrimenti i ricchi riusciranno facilmente a piegare le condizioni economiche a proprio esclusivo vantaggio. Gli effetti negativi di un capitalismo monolitico e senza regole sono ben rintracciabili anche nella cronaca quotidiana, che ci fa vedere le multinazionali spostare i propri stabilimenti nei paesi più poveri del mondo dove possono sfruttare liberamente forza lavoro a basso prezzo (compresi i bambini) e dove trionfano promozioni commerciali e campagne pubblicitarie ingannevoli di prodotti potenzialmente pericolosi o semplicemente di cui non abbiamo un reale bisogno. Ma soprattutto sono evidenti nell’esistenza stessa di interi settori economici che semplicemente prescindono dalla presenza dei poveri, come se metà della popolazione mondiale non esistesse nemmeno. Sono i settori che si occupano della vendita di merci di lusso a gente che non ne ha un reale bisogno, solo perché così sono possibili profitti maggiori. Io credo nel libero mercato come fonte di libertà e di nuove idee per tutti, non come strumento della decadente architettura economica progettata per una ristretta élite. In America del Nord, Europa e parte dell’Asia, i paesi più ricchi hanno potuto trarre enormi benefici dall’energia creativa, dall’efficienza e dal dinamismo generati dal libero mercato. Io ho speso tutta la mia vita nel cercare di garantire quegli stessi benefici anche agli esseri dimenticati dal mondo, a quegli strati estremamente poveri dei quali gli uomini d’affari e gli economisti non tengono mai conto quando parlano di mercati. L’esperienza mi ha insegnato che il libero mercato è uno strumento potente e utile anche per affrontare problemi come la povertà globale o il degrado ambientale, ma solo a patto che non sia posto esclusivamente al servizio degli obiettivi finanziari dei soggetti economici più ricchi.

Muhammad Yunus, Premio Nobel per la pace 2006
Traduzione di Pietro AnelliFeltrinelli Editore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *