Avatar

Alberto Felice De Toni

Il rettore Alberto Felice De Toni è è il primo rettore ingegnere dell’ateneo friulano, ottavo della storia dell'Università degli Studi di Udine. Laureato nel 1980 a Padova, sua città natale, De Toni ha lavorato all’Eni Ricerche fino al 1983. Ha deciso, quindi, di intraprendere la carriera accademica iscrivendosi al dottorato di ricerca in Scienza dell’Innovazione industriale. Nel 1986 ha vinto un concorso per ricercatore in Ingegneria gestionale all’Università di Udine, dove nel 1992 ha preso servizio come professore associato e nel 2000 come ordinario. È stato presidente del corso di laurea in Ingegneria gestionale, vicepreside della facoltà di Ingegneria per sei anni e poi preside per altrettanti. Numerose anche le sue attività legate al trasferimento tecnologico: è stato vicepresidente di Friuli Innovazione di Udine dal 1999 al 2003 e di Area Science Park di Trieste dal 2002 al 2006, e presidente di Agemont, l’Agenzia per lo sviluppo economico della montagna, dal 2005 al 2010. È stato anche delegato del rettore all’Innovazione dal 2001 al 2004. Oggi è professore ordinario di ingegneria economico-gestionale e insegna “Organizzazione della produzione” e “Gestione dei sistemi complessi” nel corso di laurea di Ingegneria gestionale.

HUMAN O DIGITAL DRIVEN: RITORNO AL FUTURO

COSA DOBBIAMO ASPETTARCI DA UN FUTURO POPOLATO DA ROBOT, ALGORITMI E SENSORI CHE – AFFIDANDO AD ANONIMI AUTOMATISMI LA MAGGIOR PARTE DEI PROBLEMI – RISCHIANO DI CONTROLLARE LA NOSTRA VITA E IL NOSTRO LAVORO? DIBATTITO APERTO FRA PESSIMISTI E FIDUCIOSI “Uomini 4.0: ritorno al futuro. Creare valore esplorando la complessità”. Questo è il titolo di…

Human o digital driven: ritorno al futuro

“Uomini 4.0: ritorno al futuro. Creare valore esplorando la complessità”. Questo è il titolo di un recente libro curato dal sottoscritto e da Enzo Rullani. Il volume è pubblicato in open access, ossia è liberamente scaricabile dalla piattaforma Franco Angeli Open Access. Che cosa dobbiamo aspettarci da un futuro popolato da robot, algoritmi e sensori…