#BREXIT – Rolls-Royce conferma il trasferimento di lavoro da Derby in Germania

La società ritiene che Brexit causerà PROBLEMI

Rolls-Royce ha annunciato che sposterà il lavoro da Derby in Germania per limitare le interruzioni causate dalla Brexit.

La società ha confermato oggi in un aggiornamento commerciale che è di trasferire il lavoro di approvazione del progetto per i suoi grandi motori aerodinamici lontano da Derby.

I motori progettati e costruiti dalla ditta, che ha la sua divisione aerospaziale civile a Sinfin, devono essere firmati dall’Agenzia europea per la sicurezza aerea (EASA).

Non vi è incertezza su come questa sicurezza aeronautica e il processo di approvazione del progetto funzionerebbero quando il Regno Unito lascerà l’Unione europea.

Per evitare maggiori costi e beneficiare della cooperazione internazionale in materia di sicurezza, le imprese aerospaziali come la Rolls-Royce vogliono rimanere parte dell’EASA. Il lavoro di approvazione della ditta è quindi trasferito a Dahlewitz, vicino a Berlino, in Germania.

Non si ritiene che la decisione avrebbe alcun impatto significativo sui posti di lavoro in Derby e Rolls-Royce afferma che il lavoro potrebbe tornare a Sinfin una volta confermato il rapporto a lungo termine del Regno Unito con l’Unione europea.

La dichiarazione della società recita: “Rolls-Royce prende atto della decisione del governo del Regno Unito di ritardare il voto sull’accordo di ritiro proposto e sulla dichiarazione politica.

“Continueremo a implementare i nostri piani di emergenza finché non saremo certi che un accordo e un periodo di transizione siano stati concordati.

“In particolare, stiamo lavorando con l’EASA per trasferire l’approvazione del progetto per i grandi motori aeronautici in Germania, dove già eseguiamo questo processo per i business jet.

“Si tratta di un’azione tecnica precauzionale e reversibile che non prevediamo porterà al trasferimento di qualsiasi lavoro.

“Abbiamo iniziato a costruire l’inventario come misura di emergenza, in linea con il calendario che abbiamo dato in estate.

“Siamo stati in contatto con tutti i nostri fornitori e abbiamo rivisto le nostre opzioni logistiche e abbiamo la capacità richiesta disponibile.A questo punto abbiamo piani di emergenza in atto e aggiorneremo il mercato quando avremo una visibilità più chiara.”


Also published on Medium.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *